Al via la produzione di Kuka in Cina

0
329

L’impianto Kuka Roboter di Shanghai è pronto per la produzione di robot industriali e controller per il mercato asiatico. Avviato alla fine dello scorso anno, il plant si estende su di una superficie di 20.000 metri quadrati, conta 350 addetti e ha una capacità produttiva di 5.000 robot all’anno. «La Cina è uno dei mercati in ambito robotico in più rapida crescita nel mondo – ha spiegato Till Reuter, CEO di Kuka AG, durante l’inaugurazione dello stabilimento –. Abbiamo un partenariato stretto e a lungo termine con un numero considerevole di noti clienti cinesi. Al fine di consentire una crescita continua, è importante avere questa nuova nostra possibilità di produrre e di stoccare direttamente sul territorio».

L’inaugurazione è stata celebrata alla presenza di centinaia di ospiti provenienti da tutto il mondo e con la proiezione di un video in cui Timo Boll, la stella tedesca del ping pong, sfidava il robot KR Agilus. Già prima dell’evento, la pubblicazione del movie su web ha incontrato un forte interesse e migliaia di click, rivelandosi quindi un forte strumento di marketing. Oltre a tale campagna pubblicitaria, il costruttore di robot sta rafforzando la propria immagine – ma anche la propria posizione – nella regione asiatica garantendo tempi di consegna più brevi. «La domanda di soluzioni per l’automazione, tra cui robot industriali, in Cina, è enorme – ha commentato Kong Bing, CEO KUKA Robotics Cina –. E l’apertura di un nuovo impianto di produzione sul territorio cinese è per noi un’ottima opportunità. Comunque, la collaborazione con la Cina non è nuova per Kuka: i rapporti commerciali hanno avuto l’inizio nel 1990, e la prima filiale nel Paese è stata fondata nel 2000».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here